ita | eng


Benvenuta o Benvenuto sul sito della Scuola per l'Albergo Diffuso e l'Ospitalità Diffusa.

La nostra Scuola di occupa dal 2004 di Ricerca, di Creazione-Start-up d'impresa e di Formazione intensiva ed è specializzata nella nascente Industria dell'Ospitalità Diffusa che comprende l'Albergo Diffuso (AD), il Paese Albergo (PA), il Residence Diffuso (RD) e altri modelli ospitali definiti generalmente come "orizzontali", o più precisamente "aderenti alla skyline di paesi, borghi e centri storici".

Questa Scuola è l'unica in Italia specializzata nell'Industria dell'Ospitalità turistica Diffusa.

Questa industria turistica, gode di una buona notorietà sui media, ma stenta a crescere e a rinforzarsi, come saprai; è un po come una bicicletta con le ruote quadrate ...

Albergo Diffuso e Paese Albergo - dove sta il problema - Scuola Internazionale di Specializzazione in Albergo Diffuso - Maurizio Droli.jpg


Ad esempio, gli AD creati dal 1982 ad oggi in Italia (assumendo come prima proposta quella di Comeglians, località friulana in cui è nato il nome di Albergo Diffuso), vale a dire in oltre 34 (trentaquattro) anni e riconosciuti dall'Associazione nazionale Alberghi Diffusi - ADI sono circa 90 (novanta) a fronte di oltre 7000000 (sette milioni) di abitazioni poco o per nulla utilizzate (ISTAT, Censimento 2011) e di ben 500 (cinquecento) progetti di Albergo Diffuso in Italia nel 2015, secondo l'ADI stessa. Gli AD non riconosciuti dall'ADI o quelli che utilizzano il nome di Albergo Diffuso senza esserlo nei fatti sono stimati in poche unità, per fortuna.

I numeri parlano chiaro: 90 alberghi diffusi in 34 anni equivalgono a meno di 3 (tre) proposte all'anno. Questo in un paese con oltre 56000000 (cinquantaseimilioni) di abitanti è davvero poco.

Quindi:


  • date le grandi potenzialità del nostro Paese sottolineate dall'ISTAT e da altri, come mai solo 3 nuove proposte all'anno?


  • considerati i ben 500 progetti nel solo 2015, come mai così pochi sono diventati proposte concrete nel 2016?


  • una volta create le proposte, cosa fa la differenza tra un impresa per l'Ospitalità Diffusa di successo ed una che non ha successo?


Esistono diversi libri seri e articoli scientifici sull'Albergo Diffuso. Certo scrivere un buon libro e dei buoni articoli è necessario ma forse non è sufficiente per creare una proposta. Tantomeno per gestirla con successo, come evidenziato da più istituzioni (tra cui il CNEL che oggi si vuole sopprimere) a partire dal 2005.


In questi tredici anni, la Scuola ha aiutato oltre 50 (cinquanta) gruppi di lavoro e viene promossa all'estero sia dal programma delle Nazioni Unite - United Nations Development Programme - UNDP (vedi brochure), sia dal programma Innovation for Development and South-South Cooperation - IDEASS (vedi brochure).

Questo perchè, la SISAD, malgrado sia una realtà piccola è iper-specializzata.

Ad esempio, il percorso di lavoro per la creazione e start-up d'impresa proposto dalla SISAD:


  • è basato sulla partnership turistica, modalità organizzativa che abbiamo iniziato a studiare nel 1993 perchè complessa, ma strategica per il nostro futuro


  • è stato formalizzato in una disciplina ad-hoc che abbiamo chiamato "Partnering turistico" (Droli, 2007), dopo quasi 14 (quattordici) anni di ricerca interamente autofinanziati


  • è stato applicato a oltre 50 interventi di assistenza tecnica svolti dalla Scuola dal 2004 ad oggi


  • è quindi collaudato


  • è semplice ma rigoroso e soprattutto


  • è in grado di garantire al 100% che, a seguito del nostro intervento, si realizzi la proposta di Ospitalità Diffusa per cui si è lavorato, Albergo Diffuso, Paese Albergo o altre fedeli ai rispettivi modelli ospitali "orizzontali" ossia "aderenti alla skyline dei paesi, delle frazioni, dei borghi e dei centri storici.


Una volta creata la proposta, il risultato cui miriamo è uno solo: "un volàno", ossia un'organizzazione (associazione/impresa) e un processo di sviluppo i cui risultati crescono in termini di Efficacia, di Efficienza, Equità e sostenibilità Ecologica (il modello delle "4 E"; Droli 2009) in modo "virtuoso" e fino a un punto detto "di equilibrio".

In effetti, molti parlano di volàno, ma pochi sanno cosa questo effettivamente sia. Ancora meno hanno idea dei passi falsi da evitare e delle buone prassi da imitare per arrivarci.

Lo sviluppo per noi è invece un insieme di risultati decisamente concreti che richiede buone prassi e tranelli da conoscere, metodo, non improvvisazione e che va sempre misurato rispetto ai costi sostenuti per produrlo, ossia in termini di rapporto costi/risultati.

In questo senso la nostra Scuola si preoccupa di ottimizzare le risorse non solo economiche di cui disponi. Grandi o piccole, tante o poche, tangibili o intangibili che siano. In questo modo, la nostra Scuola si mette dalla tua parte e cerca di diventare un po "la tua Scuola".

sviluppo virtuoso-4E-copyright-Droli-2009.jpg

Quindi, se stai cercando di creare un'organizzazione per l'Ospitalità Diffusa "chiavi in mano", se pensi di accelerare lo Start-up di una proposta esistente o se credi sia il caso di rinforzare le capacità tecniche del personale e dei partner ottimizzando la resa delle risorse di cui disponi puoi rivolgerti a questa Scuola con tranquillità scrivendo a: info@sisad.it.


Intanto ...


Mandi!

(saluto-augurio tipico friulano)



Maurizio_Droli.png
Maurizio Droli*

SISAD, coordinatore




Breve storia della SISAD:

1996

Inizia l'attività di preparazione alla formazione grazie al Sistema informativo di marketing turistico regionale "SIGMATur" di cui Maurizio Droli è coordinatore in Friuli Venezia Giulia nell'ambito del piano di rilancio "Ospiti di Gente Unica". La ricerca monitora i risultati prodotti dai primi alberghi diffusi e propone correttivi per modificare motivazioni di viaggio, soddisfazione degli ospiti, spese, fatturato, costi/camera e altri parametri sia aziendali, sia locali. Questa ricerca per risultati è una premessa necessaria per poter pensare ad offrire formazione e consulenza. Grazie a queste ricerche sui risultati ottenuti e allo sviluppo di miglioramenti continui che abbiamo apportato alle imprese-clienti, abbiamo capito le "cose da fare" per ottimizzare i budget esistenti. Purtroppo, mentre le modifiche proposte alle imprese venivano in gran parte realizzate, gran parte dei correttivi alla legge regionale 02/2000 istitutiva dell'Albergo Diffuso in FVG restavano tutt'ora da realizzare.


2004

Arriva il momento di creare una Scuola ad-hoc per operatori e interessati all'Albergo Diffuso e all'Ospitalità turistica Diffusa. La decisione viene ufficializzata in occasione del primo Convegno nazionale dell'Ospitalità Diffusa svoltosi a Campobasso nel Novembre del 2004. Qui, diversi gestori di imprese per l'ospitalità diffusa attivi nelle diverse regioni italiane chiedono di essere aiutati a gestire abitazioni e non 'semplici' camere, edifici distanti fra loro anche alcune centinaia di metri, diseconomie conseguenti e utili difficili da creare specie nei mesi di media e di bassa stagione. Il lavoro di approfondimento svolto nelle prime imprese del comparto dal 1996 facilita molto la messa a punto dei primi moduli di formazione.

2006

La SISAD è tra i quattro soci fondatori dell''Associazione nazionale Alberghi Diffusi' - ADI. 

2008

A seguito di una ricerca svolta nella Regione Lazio, di una candidatura e del primo premio ottenuto dall'Albergo Diffuso dal programma UNDP delle Nazioni Unite, la SISAD è promossa dallo European Business & Innovation Center Network - EBN, dallo United Nations Development Programme - UNDP, dal 2009 dall'Innovations for Development and South-South Cooperation - IDEASS programme (vedi presentazione IDEASS) e dall'Associazione nazionale Alberghi Diffusi - ADI.

2009

Sfatiamo il mito per esigenza di chiarezza: alcuni AD non attuano la raccolta differenziata dei rifiuti. Altri sopravvivono grazie a ingenti finanziamenti pubblici. Ergo: non tutti gli AD sono anche modelli di sviluppo.  

Abbiamo fornito la definizione di Albergo Diffuso come Modello di Sviluppo Locale "virtuoso". Questo è l'Albergo Diffuso che ha quattro requisiti: (1) usa questo nome in lingua italiana anche quando si promuove in altre lingue; (2) è fedele al Modello di Ospitalità concettualizzato da Giancarlo Dall'Ara; (3) è di valore, raro, inimitabile e insostituibile dal punto di vista dei propri ospiti e dei residenti; e (4) vede crescere quattro risultati: (a) l'appeal della proposta sul mercato turistico nazionale e internazionale, (b) la redditività alberghiera come opportunità d'impresa, di reddito d'investimento nella comunità; e (d) la tutela attiva delle risorse seguendo la traiettoria di un processo di sviluppo "a spirale".  (ripresa da: Droli, Dall'Ara 2012. Vedi pubblicazione qui sotto).

2009-oggi

Abbiamo cercato di creare o di rilanciare organizzazioni nell'Ospitalità turistica Diffusa con il minore investimento possibile generando Ritorni sull'Investimento appetibili per investitori pubblici e privati. Il nostro obiettivo è e resta quello di creare impresa e fare formazione "a costo zero", con le risorse disponibili e solo dopo usare al meglio fondi e finanziamenti europei.

Ostacoli  da superare per il futuro

Buona parte del Ritorno sull'Investimento (ROI) creato da una di queste imprese dipende da come i partner privati, pubblici e del terzo settore "fanno squadra". L'Italia è purtroppo indietro in questo rispetto ad altri paesi. Buona parte della conoscenza utile per creare e per gestire in modo ottimale questo tipo di reti o meglio "partnership" non è stata ancora prodotta e tantomeno pubblicata. La SISAD, oltre a fare la propria parte per cercare di colmare questo svantaggio, è disponibile a condividere il proprio know-how con enti di ricerca, università, associazioni, imprese e privati seriamente interessati facilitare la crescita armoniosa dell'Industria dell'Ospitalità Diffusa. 

Quali risorse?

Per scaricare gratuitamente parte degli studi condotti finora puoi visitare la pagina resa disponibile sulla piattaforma internazionale per la ricerca "Academia.edu".

Dal 15 Aprile al 30 Maggio 2016 la pagina che contiene queste ricerche è stata inclusa nel 5% delle pagine più frequentate della piattaforma la quale conta oltre 31 milioni di pagine-ricercatore. Anche questo sito ha dei limiti: offre soltanto informazioni generali.  Per i primi approfondimenti ecco il Nostro piccolo contributo:

Droli, M., Dall’Ara, G. (2012). Ripartire dalla Bellezza. Gestione e Marketing delle Opportunità d’Innovazione nell’Albergo Diffuso nei Centri Storici e nelle Aree rurali. Collana Scienze economiche, Padova, Editrice Università di Padova CLEUP. ISBN: 9788861298255.



Ripartire.jpg



---


Ed ecco l'elenco aggiornato di libri, capitoli di libro, articoli su riviste oggetto di revisione anonima, atti di convegni e altro ancora:






* Maurizio Droli: Agente di Sviluppo per il Turismo Rurale dal 1993

Sociologo dell'Economia e delle Partnership Pubblico-Private
Dottore di ricerca in "Economia, ecologia e tutela dei sistemi agricoli e paesistico-ambientali"
Certificato di qualità per la ricerca in Europa 'Doctor Europaeus"
Docente in "Innovazione turistico-territoriale e progetti-pilota" c/o Università degli Studi di Udine





///

ATTENZIONE: Molti bambini nel mondo vivono in strada. Tu, se lo vuoi, puoi fare si che uno di questi vada a scuola e si salvi la vita. Ci sono  milioni di bambini orfani nel mondo che vivono in strada a causa di guerre, fame e sottosviluppo. Questi bambini rischiano la vita o il rapimento da parte dei trafficanti internazionali di organi ogni giorno dell'anno. Fare studiare uno di questi bambini significa toglierlo dalla strada, offrirgli la possibilità di un lavoro domani e forse salvargli la vita. ActionAid è un'organizzazione che si impegna in modo TRASPARENTE da anni per fare studiare i bambini di strada nel mondo. Ogni buona azione, per quanto piccola sia, è importantissima e ci fa sentire meno impotenti; più utili, come sosteneva Madre Teresa di Calcutta. Prova a visitare il sito di ActionAid. Rimarrai stupito di quanto possiamo fare con poco. (Messaggio il cui contenuto è stato realizzato in accordo con ActionAid International.